folignonline
Edizione del 23 Settembre 2017, ultimo aggiornamento alle 15:09:13
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Adcomm
folignonline
Aldo Moretti S.r.l.
cerca nel sito
Aldo Moretti S.r.l.
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Valle di Fiordimonte
Primi d'Italia

Condividi l'articolo:


Foligno - Folignonline consiglia, 06 Agosto 2016 alle 01:04:23

Afam informa: COME EVITARE LE PUNTURE DEGLI INSETTI!

I consigli della dottoressa Amedea Bartoli

Gli insettorepellenti sono sostanze che allontano gli insetti. Essi sono un valido aiuto per evitare di essere punti dagli insetti, che in alcuni casi possono essere vettori di malattie infettive anche gravi. Gli insettorepellenti agiscono in seguito alla loro evaporazione dopo applicazione sulla pelle. La durata di


azione dichiarata dai produttori va considerata in modo critico, in quanto non è detto che garantisca uno stesso livello di protezione per tutto il periodo dichiarato. La sudorazione, l'evaporazione, lo sfregamento della pelle contro gli abiti, il lavaggio e l'assorbimento cutaneo tendono a ridurre nel tempo la concentrazione della sostanza repellente riducendone l'efficacia. 


Si ricorda che l'insetto è attirato da molti fattori, principalmente ambientali ed umani. Tra i fattori ambientali ricordiamo le alte temperature e umidità. Tra i fattori umani si annoverano gli ormoni sessuali i profumi ed il sudore (acido lattico).
Le formulazioni cosmetiche insettorepellenti sul mercato sono le più svariate: spray, roll-on, lozioni, emulsioni, creme gel, fazzoletti e stick. In queste formulazioni entrano a far parte sostanze sia di origine naturale che di sintesi. Il funzionamento di repellenti naturali si basa sull'utilizzo di sostanze che gli insetti evitano nel loro ambiente naturale come citrodiol e olii essenziali di citronella, geranio, rosmarino, bergamotto ed eucalipto. Il loro utilizzo è sicuro nei bambini e donne in gravidanza.


I repellenti sintetici contengono sostanze irritanti per l'insetto oppure imitano l'odore delle sostanze che essi evitano. I prodotti di sintesi maggiormente impiegati nella formulazione degli insettorepellenti sono: dietiltoluamide (DEET), icaridina, IT3535. La dietiltoluamide è l'insettorepellente più studiato ed impiegato a livello mondiale. Si stima che sia utilizzata ogni anno da circa 200 milioni di persone nel mondo. Nei prodotti commerciali presenti in Italia e destinanti all'applicazione cutanea, le concentrazioni possono variare dal 4% al 33,5%. Indicativamente, la durata di azione varia da un'ora per concentrazioni del 4% alle 5/6 ore per quelle al 30%. La DEET è efficace oltre che sulle zanzare anche nei confronti delle zecche, mosche e pulci; da impiegare con cautela nei bambini e donne in gravidanza.


Alle mamme che non vogliono applicare sostanze repellenti sulla pelle dei loro bambini possiamo consigliare dispositivi antizanzare ad ultrasuoni. Sono pratici, ecologici e possono essere trasportati ovunque.
Esistono sia nella versione con pile (1,5 volt) sia con spina elettrica. Gli utrasuoni non oltrepassano le pareti né aggirano angoli, rimbalzano sulle superfici morbide come tappeti e tende. In una grande stanza arredata è quindi consigliabile mettere 2 apparecchi ad ultrasuoni ponendoli ai lati opposti delle pareti. Va ricordato inoltre l'uso del braccialetto antizanzare alle essenze naturali.

Condividi l'articolo:

affitto e vendita case
Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Aldo Moretti S.r.l.
Sicaf
Maison del Celiaco
Primi d'Italia
Principe
Vus Com