folignonline
Edizione del 23 Ottobre 2020, ultimo aggiornamento alle 19:22:26
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
folignonline
cerca nel sito
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri

Stampa articolo

Sisma, 07 Gennaio 2017 alle 09:49:33

La 'cena della Befana' al rione Cassero ha fatto il pieno

La serata aveva lo scopo di raccogliere fondi per Massaprofoglio, minuscolo paesino delle Marche

Una serata "affollata" quella organizzata dal rione Cassero nella propria taverna di via Cortella. La "Cena della Befana" aveva lo scopo di raccogliere fondi in favore di Massaprofoglio, un paesino del Comune di Muccia danneggiato dal terremoto.


Una parte dell'incasso della serata, infatti, è stata devoluta all'Associazione "Massa nel Cuore" per acquistare un modulo abitativo. Durante la serata ci sono state tombolate e doni della befana per tutti i bambini. Inoltre, grazie al contributo degli ex calciatori del Foligno Giacomelli, Cacciatore, Falcinelli e Spinazzola, di Dezi del Perugia e del dirigente della Juventus Federico Cherubini, il rione Cassero ha organizzato anche una lotteria il cui ricavato sarà devoluto all'Associazione "Massa nel Cuore".


Massaprofoglio è stato distrutto dal terremoto: rimangono in piedi solo quattro case. Quando è passato il terremoto distruttivo gli abitanti erano 17 più 3 badanti. Ma in estate ecco che, come per magia, si ripopola: chi era originario di Massa e se ne era andato e abita altrove (molti a Roma), come da tradizione, torna per alcuni mesi. Infatti, ad agosto quando viene organizzata la sagra dedicata al tartufo, il paese "sforna" anche 500 coperti al giorno raccogliendo anche la gente degli altri paesi vicini.


Nel paese, poi, l'unica famiglia di giovani che è presente provvede ad addestrare i cani da tartufo e durante questo periodo di terremoto ha ospitato molti degli animali delle famiglie terremotate. "Con i soldi che raccoglieremo e che ci verranno donati - spiega una delle rappresentanti dell'associazione ‘Massa nel cuore' - vorremmo realizzare una struttura in legno, con una cucina che servirebbe come punto aggregativo per il paese e anche per riproporre la sagra del tartufo".


In molti sia rionali che amici vicino alla contrada giallo marrone si sono presentati alla cena che aveva questo duplice obiettivo. Molto apprezzato il menù della cena (proposto dallo chef del rione Danilo e dal suo staff: un antipasto misto con i prodotti della zona di Muccia, poi cordicelle fave, barbozza e pecorino (per i più piccoli pasta alla Norcina), filetto al sagrantino con patate arrosto e gran finale con panettone, pandoro.


Nella foto, una rappresentante dell'associazione "Massa nel cuore"



Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]