folignonline
Edizione del 23 Ottobre 2020, ultimo aggiornamento alle 19:22:26
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
folignonline
cerca nel sito
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri

Stampa articolo

Foligno - Istituzioni, 12 Agosto 2015 alle 11:08:08

Poste, anche il Comune di Castel Ritaldi pronto a combattere con le unghie e con i denti

Tante le iniziative intraprese per evitare la chiusura degli uffici, tra queste il boicottaggio dei prodotti

"Oramai la misura è colma" -esordisce così il Sindaco del Comune di Castel Ritaldi, Andrea Reali, in merito alla decisione, unilaterale, di Poste Italiane di chiudere lo sportello di Castel Ritaldi. "A fronte della prima comunicazione di Poste Italiane in merito alla chiusura dell'Ufficio Postale -Sportello avanzato di Castel


 Ritaldi - del 10 febbraio 2015, ho immediatamente incontrato la responsabile di Zona per protestare contro tale ingiusta chiusura". Dure le parole de primo cittadino di Castel Ritaldi: "il 10 aprile vengo informato che Poste Italiane ha avviato un più ampio processo di dialogo con gli Enti Locali per l'analisi di dettaglio. Parallelamente ho aderito alla richiesta di ANCI e Regione Umbria per una azione collettiva volta a fermare tale ingiusta decisione. Ma poi, quando tutto sembrava volgere per il meglio, il 3 luglio scorso, le Poste Italiane, unilateralmente, comunicano al sottoscritto una nuova data di chiusura per il 7 settembre che, malgrado ulteriori e continue proteste scritte, sembra non potersi scongiurare". La misura, a detta dei cittadini, resta incomprensibile sia dal punto di vista normativo che sociale: "ci aspettavamo più rispetto verso questa amministrazione e collettività che sempre ha tifato affinché Poste Italiane rimanesse punto di riferimento dei cittadini e delle istituzioni". Il paese a metà tra Spoleto e Foligno però non si da per vinto, e già si sta attivando per ricorrere al Tar, adducendo il contrasto della decisione con il decreto ministeriale del 7 ottobre 2008, e non solo, visto che in programma c'è la convocazione di un apposito Consiglio comunale ed il boicottaggio di tutti i prodotti postali. Hanno le idee chiare a Castel Ritaldi: "siamo un piccolo Comune ma questa volta invece che a 'Don Chisciotte' vorremmo essere paragonati a 'Davide'!" -conclude il sindaco.


 



Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]