folignonline
Edizione del 22 Novembre 2017, ultimo aggiornamento alle 22:54:24
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
BEXB
folignonline
Punto Salute Foligno
cerca nel sito
Valle di Fiordimonte
Aldo Moretti S.r.l.
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri

Condividi l'articolo:


Sisma, 26 Maggio 2017 alle 00:38:36

Scuole e terremoto, il punto a Foligno con il sottosegretario all'istruzione, Vito De Filippo

Incontro in sala consiliare: gli interventi in programma. Comitato dei genitori: 'Strutture insicure e leggi che non tutelano i bambini'

Le scuole e il terremoto. Tanti timori con Comitati di genitori che sono nati, e continuano a nascere, in tutta Italia e una sfida da vincere per la quale occorrono non solo soldi e investimenti ma anche leggi che permettano di fissare dei paletti e far diventare operative le parole.


Se ne è parlato oggi pomeriggio a Foligno, in sala consiliare con il sottosegretario all'Istruzione, Vito De Filippo che,oltre ad avere visitato il Laboratorio di Scienze sperimentali e inaugurato il Laboratorio per le Smart Cities ha anche partecipato ai lavori della seconda e terza commissione consiliare che si sono riunite per discutere di edilizia scolastica e sicurezza post-sisma. E all'incontro erano presenti anche i rappresentanti del Comitato gnitori di Foligno.


"In Umbria abbiamo fatto 303 interventi per un ammontare complessivo di 51milioni e 600mila euro - ha spiegato nel suo intervento il sottosegretario De Filippo - poi resta la possibilità di accedere a quattro programmi di investimento".


Che partono dalla legge di Bilancio 2017, dove è previsto un comma per gli interventi di sicurezza sismica: le Regioni, infatti, comunicheranno la lista degli interventi prioritari che saranno finanziati con 900 milioni di euro. Poi si prosegue con le indagini di vulnerabilità che prevedono 100 milioni di euro per finanziare questi accertamenti. Quindi esiste un altro programma contenuto nel decreto legge sugli enti locali in fase di conversione che vede 306 milioni di euro dedicati a province e città metropolitane. E poi gli interventi della banca europea degli Investimenti che da settembre permetterà l'utilizzo di un miliardo e 400mila euro a disposizione da settembre.


A questi vanno aggiunti gli interventi della Protezione Civile, quelli del Commissario Straordinario per la ricostruzione e dei vari contributi di enti ed istituzioni pubbliche e private.


"Tante le criticità e le questioni che non vanno - ha commentato l'architetto Stefano Trabalza che rappresentava non solo il Comitato dei genitori di Foligno ma anche di alcuni altri comitati del centro Italia, intervenuto durante il dibattito - La situazione dell'Umbria rispecchia quella nazionale. Il 30% degli edifici sono stati monitorati, mentre il Italia è il 25%, oltre il 60% delle strutture è stato costruito negli anni'70. Il nostro grado di vulnerabilità delle scuole è pari allo 0,25%, una percentuale molto alta visto che con un indice pari a 1 indica che la scuola è sicura e 0 che non lo è".


"Anche l'ultima legge, quella n.8 del 2017 è una presa per i fondelli, un fallimento - continua Trabalza -Primo perché non prevede sanzioni e provvedimenti per chi non si mette in regola. Secondo si è chiesto al Governo un coefficiente minimo con il quale il dirigente può dichiarare inagibile la struttura scolastica, ma non è stato accettato e introdotto e terzo motivo una volta saputo che la struttura scolastica ha un alto coefficiente sismico non c'è l'obbligo di fare interventi. Esiste una convenzione dell'Onu, recepita anche in Italia, che obbliga Enti e istituzioni a salvaguardare la sicurezza e l'igiene dei bambini: non mi sembra proprio che questa sia rispettata. Ho chiesto che magari al tavolo indetto dall'osservatorio sull'edilizia scolastica vengano invitati anche i Comitati dei genitori: sarebbe un piccolo passo avanti".


 

Condividi l'articolo:

affitto e vendita case
Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Principe
Gabetti Immobiliare
Aldo Moretti S.r.l.
Maison del Celiaco
Sicaf
Vus Com