folignonline
Edizione del 20 Novembre 2017, ultimo aggiornamento alle 21:34:27
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Aldo Moretti S.r.l.
folignonline
Aldo Moretti S.r.l.
cerca nel sito
Aldo Moretti S.r.l.
Valle di Fiordimonte
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri

Condividi l'articolo:


foligno - Cronaca, 12 Settembre 2015 alle 18:09:06

Carcere di Maiano, detenuto di 24 anni da' in escandescenza e due poliziotti finiscono all'ospedale

Uno dei due e' ora ricoverato a Foligno per accertamenti


Pamela Bevilacqua

Detenuto con problemi psichiatrici, lo stesso che un mese fa ha incendiato la sua cella, dà di nuovo in escandescenza e aggredisce due agenti. Un poliziotto ne avrà per sette giorni il secondo per una decina ed è stato trasportato all'ospedale di foligno per accertamenti. Denuncia la situazione Roberto Filippi, vice


segretario regionale del sindacato Osapp. "Il soggetto di tale aggressione è un detenuto italiano di 24 anni con seri problemi psichiatrici, lo stesso che qualche tempo fa aveva incendiato la cella creando problemi di ordine pubblico all'interno dell'Istituto - scrive il sindacalista - lo stesso che ha aggredito altri poliziotti. La stessa sorte è toccata anche a detenuti ristretti nella stessa sezione del soggetto di cui trattiamo. Le comunità esterne che dovrebbero gestire detenuti di questa tipologia, rispondono che è un soggetto troppo violento e non hanno nè personale nè una struttura adeguata per gestire un personaggio così aggressivo. Naturalmente l'unica alternativa rimasta è il carcere, e noi poliziotti penitenziari siamo costretti a operare con altissimi rischi". Ovvio che per la penitenziaria non è facile destreggiarsi in questa situazione. "Malgrado la professionalità e l'attenzione posta nello spostamento del detenuto conoscendone già i precedenti, è impossibile prevedere una sua aggressione perchè non c'è una motivazione o un crescendo di emotività che lascia presagire una reazione violenta, ma dal parlare con un tono di voce pacato allo sferrare un pugno, dalla richiesta di aiuto all'aggressione, dalla visita medica effettuata con il massimo scrupolo e attenzione alla violenza fisica...è davvero imprevedibile il quando, il come, il perchè" queste le sue parole. Il sindacato sottoliena come il problema coinvolga tutte le figure, dal direttore dottor Sardella Luca al comandante commissario Piersigilli Marco, sempre presenti e pronti ad emanare tutte quelle disposizioni che sono nelle loro possibilità per proteggere il personale di polizia e tutte le persone civili che a vario titolo accedono all'interno dell'istituto di pena e che entrano a contatto con soggetti violenti come il detenuto di cui stiamo trattando, ai poliziotti penitenziari che malgrado conoscono la violenza, supportata da un fisico possente del detenuto 24enne, sono costretti a subire l'aggressione per poter bloccare con la forza il soggetto. "La chiusura degli ospedali psichiatrici sotto il profilo umano è condivisibile, - conclude Roberto Filippi - ma poi non si può scaricare il problema sulla polizia penitenziaria che senza formazione e strutture pone sacrificio, spirito d'iniziativa ed esperienza per sopperire alle carenze organizzative".


 

Condividi l'articolo:

affitto e vendita case
Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Maison del Celiaco
Principe
Vus Com
Aldo Moretti S.r.l.
Gabetti Immobiliare
Sicaf