folignonline
Edizione del 23 Ottobre 2020, ultimo aggiornamento alle 19:22:26
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
folignonline
cerca nel sito
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri

Stampa articolo

Cronaca, 30 Marzo 2018 alle 16:05:46

Trevi e' citta' 'American Friendly'

A Villa Fabri la consegna della prestigiosa attestazione

Il riconoscimento promosso nella convenzione tra la Fondazione Italia-Usa, i Borghi più belli e il Consorzio Ecce Italia ha lo scopo di promuovere in America i borghi che hanno alcune caratteristiche e di favorire il soggiorno di turisti americani, in quanto territori che rappresentano il made in Italy di qualità.


Tutto ció in quanto Trevi può vantare la presenza di un ufficio turistico di accoglienza con personale qualificato, la produzione e distribuzione di materiale turistico anche in lingua inglese, un sito internet italiano- inglese e l'App turistica della città in inglese.
"E' con grande soddisfazione, commenta il sindaco Bernardino Sperandio, che riceviamo questo riconoscimento assegnato alla nostra città".


Alla capitale dell'olio la pergamena attestante la prestigiosa certificazione è stata consegnata nel corso di una cerimonia che si è tenuta mercoledì 28 marzo presso Villa Fabri alla presenza del presidente dell'Associazione dei "Borghi più Belli d'Italia" Fiorello Primi e del presidente del sodalizio umbro dei Borghi Antonio Luna; a ritirarla l'assessore trevano Roberto Venturini il quale si è detto "estremamente contento di questo ulteriore riconoscimento a conferma della bontà del lavoro fatti sul versante del potenziamento dell'attrattività del territorio, un lavoro svolto in sinergia con gli operatori del comparto turistico-ricettivo e le associazioni di volontariato."



"Questa importante attestazione, commenta l'assessore al turismo Stefania Moccoli, consolida il ruolo di Trevi tra le città umbre che meglio rappresentano negli Usa il Made in Italy di qualità.
Il certificato "American Friendly" viene infatti rilasciato soltanto ai Comuni e alle aziende che dimostrano di essere particolarmente preparati e attrezzati a ospitare flussi turistici provenienti dagli Stati Uniti."


 


 



Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]