folignonline
Edizione del 21 Settembre 2018, ultimo aggiornamento alle 21:24:54
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
folignonline
cerca nel sito
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri

Stampa articolo

Cronaca, 15 Settembre 2018 alle 15:02:03

Bandiera 'vietata' sul terrazzo di casa, scatta l'orgoglio rionale con #esponiilfazzolettone. Interviene anche Metelli

Solidarieta' al contradaiolo de La Mora da tutti i rioni. Ironico il presidente: 'Penso che la facciata del palazzo contrasti con il decoro della bellissima bandiera'

Orgoglio quintanaro: l'amministratore di condominio vieta l'esposizione della bandiera del proprio rione? Ecco che, allora, scatta il "senso dell'onore" rionale ed il web si scatena.  Ed anche il presidente dell'Ente Giostra, Domenico Metelli, interviene in difesa dell'orgoglio quintanaro: "penso che la facciata del palazzo, per usare le parole dell'amministratore, contrasti davvero con il decoro della bellissima bandiera".


Decine e decine di commenti contro l'amministratore di condominio che ha inviato una lettera sollecitando il contradaiolo-condomino a togliere la bandiera: arrabbiati per la definizione di "telo" del vessillo rionale e anche per la frase in cui l'amministratore dice che il "telo" contrasti con il decoro dello stabile. Quintanari sul piede di guerra contro l'amministratore di condominio che avrebbe scritto la lettera su sollecitazione di un solo condomino, come sembrerebbe dai commenti di alcuni degli inquilini e proprietari dello stabile in questione. 


Un intero popolo che si solleva e si arrabbia. Ed ecco che vengono creati "hashtag", ma anche video ironici e divertenti che prendono in giro l'accaduto, così come appaiono le bandiere sui balconi. Non si parla solo dei rionali de La Mora, ma la solidarietà è trasversale: sono tanti i rioni che, indignati, hanno preso le difese, a spada tratta, del "sacro" vessillo.


"Non si può essere ‘richiamati' perché il simbolo della propria fede rionale ‘deturpa' il decoro - scrivono i rionali - Tutta la città dovrebbe essere invasa da bandiere e fazzolettoni". E nasce così #esponiilfazzolettone. Oppure #iostoconluquintanaro. Ma non solo.


Su Facebook vengono postati video che ironizzano sulla presenza della bandiera sul balcone: "Pensate noi siamo capaci di mettere questi drappi non solo sui terrazzi dei condomini ma anche sui palazzi storici", inquadrando via Gramsci, con le sue antiche dimore, dove fanno bella mostra i drappi del rione Ammanniti e del rione La Mora.


"A seguito di alcune segnalazioni da parte dei condomini - era scritto nella lettera inviata dall'amministratore al condomino-contradaiolo - e dopo aver effettuato un breve sopralluogo presso l'edificio, si è assicurato che, ormai, da diversi giorni è appeso all'esterno del balcone dell'appartamento in cui abita un grande telo. A tal proposito, si comunica come previsto dallo stesso regolamento di condominio ‘sono vietate tutte le attività che possono contrastare il decoro dell'edificio. Per quanto sopra La invito gentilmente a rimuovere questo grande telo appeso al suo balcone quanto prima".


Di certo, chi ha scritto la lettera, evidentemente, non conosce la Quintana, né cosa rappresenta per i tanti contradaioli, tutti volontari, che operano all'interno del proprio rione. Che prendono le ferie in questo periodo per mandare avanti la taverna, o per cucire polsini e colletti. Che servono a tavola, fino a tarda notte, improvvisandosi camerieri. Che cercano di infondere l'amore per la Giostra alle giovani generazioni. E che quel "telo" è un simbolo che ognuno custodisce gelosamente nel proprio cuore.


IL PRESIDENTE METELLI: "E' INCREDIBILE, NON SI PUO' SCAMBIARE LA BANDIERA DI UN RIONE PER UN TELO COLORATO".
"Sono senza parole, la protesta di alcuni condomini dell'edificio di via Monte Acuto per la bandiera esposta su un terrazzo è davvero incredibile". Il presidente dell'Ente, Domenico Metelli interviene sulla vicenda della bandiera sul terrazzo dell'appartamento di un quintanaro del Rione La Mora, fatta rimuovere dall'amministratore.


"Quando ho letto il post sui social - prosegue il Presidente - non ci volevo credere. Come è possibile che una bandiera rionale, esposta nel periodo della grande Festa di Foligno, deturpi l'immagine del condominio. E' evidente che, a parte il quintanaro, gli altri condomini purtroppo non hanno nulla a che vedere con la Quintana. Ancora più assurdo - aggiunge - è che la bandiera con i colori del cuore, il simbolo di un'identità venga definita "telo". Cosa dire, non avrei mai pensato di dover tutelare la Quintana anche dalle beghe condominiali. Infine, esprimo solidarietà al giovane e al rione La Mora - conclude il Presidente Metelli - e penso che la facciata del palazzo, per usare le parole dell'amministratore, contrasti davvero con il decoro della bellissima bandiera".


 

Trattoliva Ristorante // Campello sul Clitunno


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Principe
Sicaf
Vus Com