folignonline
Edizione del 15 Luglio 2019, ultimo aggiornamento alle 22:18:40
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
folignonline
cerca nel sito
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri

Stampa articolo

Cronaca, 22 Novembre 2018 alle 00:14:11

Arrestata la banda dei pestaggi, sono quattro giovanissimi responsabili di diverse violenze

Avevano picchiato, causando lesioni permanenti, un trentenne folignate e un suo amico: tre albanesi e un italiano ai domiciliari per lesioni gravi continuate e in concorso per futili motivi

Violenze gratuite e pestaggi, oltre che spaccio: nella vita si divertivano così, picchiando con violenza altri giovani, senza motivo, bastava si ritrovassero sulla loro strada. Era sufficiente uno sguardo di troppo o, come nel caso del trentenne folignate picchiato selvaggiamente prima dentro poi all'esterno della discoteca, un semplice tocco mentre si ballava, a scatenare la violenza.


Ma di episodi del genere se ne contano diversi: dalla lite all'interno di una taverna alle risse scatenate in varie feste e sagre del territorio da Spello a Bevagna, a Cannara e in altri locali. Sempre loro protagonisti, conosciuti sia dalle forze dell'ordine, visto che di reati come lesioni ne hanno diversi al loro attivo, molti dei quali nemmeno denunciati dalle vittime troppo spaventate per timore di ritorsioni. 


I reati contestati alla banda, il cui capo si è trasferito a Milano con la sua famiglia, vanno dalle lesioni gravi, continuate in concorso fino alle lesioni permanenti, in quanto il trentenne folignate dovrà portare il busto ancora per molto tempo vista la rottura di vertebre dovuta al pestaggio.


Le indagini del Commissariato di Foligno, diretto dal vice questore Bruno Antonini, sono partite subito, fin dal 29 luglio, quando è accaduta la violenza. Prima dentro la discoteca, come ha raccontato il dirigente Antonini, con pugni e un calcio allo stomaco: una violenza fermata dall'intervento della sicurezza. Poi fuori, all'uscita del locale, quando il folignate è stato raggiunto  ancora da botte e calci. Un pugno anche per i due amici che hanno cercato di aiutarlo. Poi i quattro erano spariti a bordo di un'auto.


Vagliate testimonianze e nastri di videosorvegliaza e, grazie a indagini scrupolose, cercando di superare il muro di paura, ecco che la Polizia ha individuato il gruppetto violento che ha alle spalle, non particolari situazioni di disagio, ma famiglie normali che lavorano.


Ora saranno ai domiciliari, sperando che vi restino e che non approfittino di questa condizione per uscire e continuare le loro violenze.  


 


 

Trattoliva Ristorante // Campello sul Clitunno
Azienda Modena


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Sicaf
Marco Post
Ristorante al Palazzaccio