folignonline
Edizione del 15 Settembre 2019, ultimo aggiornamento alle 18:43:57
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
folignonline
cerca nel sito
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri

Stampa articolo

Cronaca, 08 Settembre 2019 alle 15:02:19

Gonfalone bruciato, immagini delle telecamere e celle telefoniche nel mirino dei carabinieri

Un forte sospetto su un individuo immortalato dalla videosorveglianza [Fotogallery]

+ + +AGGIORNAMENTO + + +


Il video delle telecamere che sono nella zona avrebbero fatto individuare chi ha dato fuoco al Gonfalone della Quintana che era steso sulla facciata del palazzo comunale. Un giovane che, con un accendino, avrebbe dato fuoco al simbolo della Quintana, dipinto dall'artista scomparsa professoressa Anna Maria Piccioni, mamma della giornalista Monica La Torre e di sua sorella Marta, contradaiole del rione Giotti. Al vaglio dei carabinieri, oltre alle immagini che avrebbero permesso di i individuare alcuni elementi determinanti, anche le celle telefoniche della persona sospettata del riprovevole gesto compiuto intorno alle 5 di sabato mattina.


"Voglio ringraziare Gianpiero Fusaro - ha scritto Monica La Torre sul suo profilo Facebook -  la foto con mia madre lo ritrae. E' stato tra i più entusiasti sostenitori del progetto, e finanziatore, a suo tempo, dell'intero lavoro.lo ringrazio anche per aver stanziato tramite il suo Gal la somma necessaria al restauro: intervento inutile ormai, ma intenzione che rimane bella a prescindere. Solo un rammarico. il drappo di mia mamma si meritava una fine gloriosa. Chessò. Il folle gesto di un anarchico insurrezionalista. Il bombardamento di una potenza aliena. Un sussulto di orgoglio interventista della Santa Inquisizione tradotto in orrenda pira. Non questo schifo, frutto, temo, dell'alienazione di un onanista alla disperata ricerca di una botta di adrenalina a buon mercato. Che tristezza, Ma'. Fortuna che te la sei risparmiata, la cenere del tuo lavoro, e l'immagine di una città più povera e più brutta".


+++++++++++


"Questa notte è stato dato alle fiamme il grande Gonfalone della Quintana, che come di consuetudine viene esposto sulla facciata principale del Palazzo Comunale a simboleggiare il periodo della Festa della Città. Si tratta di un gesto vile e sconsiderato, inqualificabile ed ingiustificabile, che condanno con assoluta fermezza e durezza, come sindaco, così come quintanaro". Non si sono fatte attendere le dichiarazioni del sindaco di Foligno, Stefano Zuccarini, in merito alla vicenda che ha suscitato reazioni e indignazioni non solo nel popolo quintanaro ma in tutti i cittadini folignati.


"Ringrazio le forze dell'ordine, i Vigili del Fuoco ed i nostri Vigili Urbani che si sono prontamente attivati con proficua collaborazione. Ho chiesto, sin da subito il massimo impegno per individuare gli autori, mettendoci a piena diposizione delle Autorità competenti".


Prioritario anche il pensiero alla massima manifestazione cittadina. "Ho espresso al presidente dell'Ente Giostra della Quintana e per suo tramite all'intero mondo quintanaro, tutta la vicinanza e l'affetto mio personale, dell'amministrazione comunale e dell'intera città di Foligno. Siamo, come sempre, ed oggi ancora di più, vicini ai quintanari".


E si comincia a pensare a delle soluzioni immediate, seppur provvisorie.
"Sono certo che questo episodio, che è un colpo al cuore della città e della Quintana, saprà darci una spinta per dar vita a giorni di festa ancor più entusiasmanti - prosegue il sindaco Zuccarini - noi siamo pronti a fare la nostra parte, e l'assessore delegato Decio Barili, che ringrazio, si sta già adoperando in sinergia con l'Ente Giostra per dare una risposta rapida e concreta".


L'ipotesi è che si sia trattato di un incendio doloso. Ad esser stata danneggiata oiltre al balcone anche la stele che si trova adiacente al palazzo comunale.


L'episodio sarebbe avvenuto intorno alle 5 del mattino, quando era deserta, dopo che nella tarda serata si era tenuto il Palio nano. Al vaglio degli inquirenti le immagini dei diversi sistemi di video sorveglianza presente nell'area, a cominciare dalle telecamere di palazzo Trinci.


"Rappresentava uno dei simboli più belli della nostra Festa - - hanno detti i vertici dell'Ente Giostra - Il gesto criminale ferisce non solo la Quintana ma tutta la città di Foligno. Siamo fiduciosi che gli autori dell'insano gesto vandalico vengano prontamente individuati.


Nella foto, il Gonfalone che brucia (foto rione Spada)


Nella video gallery, il Gonfalone presentato alla citta' dall'artista professoressa Anna Maria Piccioni


 


+++ SEGUONO AGGIORNAMENTI +++


 

Azienda Modena


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Ristorante al Palazzaccio
Marco Post
Sicaf